‘stART’ è la nostra esposizione d’arte, nelle sue diverse sfaccettature situata al primo piano di DranK con ogni mese nuovi artisti, un nuovo mood, una nuova storia. Dal 15 Febbraio al 15 Marzo saranno esposte opere di un collettivo importante per la nostra zona e non solo: Civico Zero.

continua a leggere dopo l’immagine

12919684_844994145646001_5126314142715098909_n

 

Si tratta di un’Associazione Culturale in moto, si sposta con un camper che ha la volontà di creare fermento intorno al mondo della fotografia e della lettura per adulti e bambini. Il loro intento è quello di organizzare corsi e workshop fotografici con fotografi di rilievo con il punto di forza della mobilità appunto. Ad ora sono fortemente coinvolti nel progetto Randstand1969.

Randstad è la pagina di un giornale del 1969 nel quale erano avvolti 141 rullini, mai sviluppati, che hanno acquistato in un’asta on-line. Il quotidiano prende il nome dalla Randstad Holland ovvero la conurbazione che comprende Amsterdam ed altre sedici città dei Paesi Bassi. Le pellicole sono state impresse cinquant’anni fa e catturano luoghi ed emozioni di quel periodo. Queste fotografie sono state sviluppate ed è stata lanciata una campagna di crowdfunding che condivideranno attraverso dei comunicati stampa e sulle pagine dei social network di CivicoZero.

La finalità è quella di spolverare la memoria imprigionata per respirare un decennio di storia da (ri)vivere attraverso la fotografia.

I fondatori di tutto ciò sono Pierluigi Ortolano e Davide Pitetti.

Memorie

Roland Barthes nel suo libro “ La Camera Chiara”, ricorda come in una sera di Novembre, riordinando vecchie fotografie, dopo la scomparsa della madre, trovò una sua fotografia a cinque anni di età :” Osservai la bambina e finalmente ritrovai una madre. La luminosità del suo viso, la posizione ingenua delle sue mani… Tutto ciò aveva trasformato la posa fotografica in quel paradosso insostenibile che lei aveva sostenuto per tutta la vita : l’affermazione di una dolcezza “. Quella fotografia ripescata dai ricordi può far parlare il soggetto che raffigura.

Pierluigi Ortolano e Davide Pitetti di CivicoZero affrontano in questa selezioni di immagini il tema della Memoria. Lo affrontano a ritroso, in contesti differenti, ponendo la loro attenzione su luoghi nostalgici, pregni di atmosfera. Ogni nota di Luce illumina un particolare, una porzione ben precisa che ci riporta alla loro infanzia, al loro ricordo ed alle loro curiosità. Proprio quella “Curiosità” di un bambino che immagina sogna ed improvvisamente tutto diventa avventura e scoperta. L’uso della macchina fotografica come strumento per fermare un momento che non sarà più ripetibile nel tempo.

di Alessandro Pace

 di seguito le bio e i link utili:

27655353_1352527801559297_2117840492301590704_n

Davide Pitetti classe 1983,vive a Monteodorisio e svolge l’attività di piastrellista.Nel 2011 decide di ascoltare quella voce interiore che gli dice di acquistare una macchina fotografica e da quel momento la fotografia diventerà la sua grande passione. Continua , tutt’ora, a studiare ed a trovare nuovi stimoli per raggiungere un proprio linguaggio fotografico.

Pierluigi Ortolano nasce a Vevey in Svizzera nel marzo del 1975 e vive a San Salvo dove sin da piccolo inizia a fantasticare con l’allora fotocamera dei genitori. I pochi i mezzi a disposizione di quei tempi passati non hanno mai spento la sua fantasia e sopratutto la curiosità di osservare il circostante universo , di scoprire e soprattutto riscoprire.
Questa per lui è la fotografia ….la più grande delle curiosità che non avrà mai fine.

Ranstad Blog: https://goo.gl/VpcCVv

Fb: https://goo.gl/kY6Bnj

Instagramhttps://goo.gl/oJWwLn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *